Abbigliamento specifico da lavoro: migliori marche, prezzi, offerte, guida completa

Ogni attività lavorativa necessita  di un certo tipo di abbigliamento. In base all’attività professionale avremo uniformi e divise differenti fra loro, ognuna realizzata proprio per rendere pratico il tempo a lavoro e proteggere eventualmente la persona che lo svolge da eventuali rischi. Sebbene moltissime aziende forniscano in prima persona camici e divise, molte volte sono i lavoratori stessi a dover cercare per se stessi l’abbigliamento adatto. Naturalmente questo genere di abbigliamento è facilmente trovabile poiché oltre all’attività professionale, moltissime persone hanno degli hobby che si configurano come lavoro per altre persone; per cui alcuni indumenti specifici sono adatti a chiunque voglia poter mettere in pratica il proprio hobby e proteggersi a dovere. Per fare un esempio di quali possono essere i settori all’interno dei quali è richiesto un abbigliamento specifico al di la quindi dell’ufficio che richiede un semplice outfit casual/elegante, possiamo parlare del settore edile, del settore sanitario e quindi operai, carpentieri, muratori, infermieri, OSS, medici ecc.. Anche coloro cui viene poi fornita una divisa dalla propria azienda in realtà si rifanno indirettamente all’abbigliamento specifico che viene reperito da un’unica fonte e poi personalizzato.

Igiene e dispositivi individuali

Al di la dell’abbigliamento, ci sono poi alcuni dispositivi individuali molto importanti che prescindono dal luogo di lavoro e dall’azienda. Stiamo parlando di mascherine, cuffiette per capelli, guanti e camici. Questi semplicissimi dispositivi sono in realtà la base per poter lavorare, soprattutto in ambiente sanitario e medico. Nelle industrie alimentari per esempio è molto difficile trovare qualcuno che non sia munito di mascherina, guanti, cuffia e camice. Si tratta di oggetti che proteggono realizzando una primissima schermata di base: la mascherina protegge tutte le persone che sono attorno a noi dalle secrezioni salivari e di conseguenza gli alimenti con cui eventualmente il lavoratore viene a contatto. Allo stesso modo medici ed infermieri proteggono i loro pazienti dalle proprie secrezioni salivari mediante la mascherina. La cuffietta e il camice servono ad isolare vestiti e capelli, zone dove comunque possono annidarsi batteri e polvere passando su tutto ciò che abbiamo attorno a noi, che siano altre persone o alimenti.

Dal momento in cui l’igiene della persona è importante per proteggersi anche l’igiene dell’abbigliamento da lavoro e il ricambio dei dispositivi individuali è fondamentale. Moltissime persone scelgono di lavare ed igienizzare presso lavanderie e luoghi appositi, mentre qualcun altro decide di fare in proprio a casa. In realtà una mossa più giusta di un’altra non esiste. Ciò che è importante è rispettare le norme di sicurezza, lavare comunque periodicamente i capi d’abbigliamento specifico e cambiare spesso mascherine  e cuffiette. In questo modo si può essere sicuri di stare rispettando anche le regole di buona convivenza civile.

Lavare ed igienizzare a casa l’abbigliamento da lavoro

Per coloro che scelgono di lavare ed igienizzare a casa propria senza quindi affidarsi ad aziende esterne,. può procedere iniziando proprio dalla separazione fra indumenti ordinari ed abbigliamento da lavoro specifico. Facciamo quindi un lavaggio a parte e inseriamo nel lavaggio un detersivo specifico igienizzante. Questi additivi sono più aggressivi ma per alcuni tipi di lavoro è bene non dimenticarsene poiché soprattutto chi lavora con materiale organico ( medici- infermieri- dipendenti di aziende alimentari) è maggiormente esposto a batteri, virus e rischio di contrarre infezioni.

Abbigliamento specifico nel settore industriale

L’abbigliamento specifico nel settore industriale è un genere di abbigliamento che risulta utilissimo sia per proteggere chi ci sta attorno sia per proteggere noi stessi da incidenti sul posto di lavoro che potrebbero a seconda del lavoro, anche essere fatali.  Non a caso alcuni operai all’interno di industrie, cantieri e fabbriche indossano

  • Una mascherina
  • Un casco
  • Dei guanti particolari
  • Scarpe rinforzate antinfortunistiche

Le divise di chi lavora in situazioni molto impegnative e che richiedono il contatto con materiali particolarmente pericolosi, sono indumenti unici e particolarissimi poiché spesso parliamo di chi deve rifare il manto stradale avendo quindi a che fare con calce e cemento, oppure di chi si occupa dello smaltimento dei rifiuti oppure della lavorazione di alimenti in ambito industriale. Insomma queste divise devono poter reggere la situazione e proteggere al massimo la persona che lavora. Per questo sono composte di scarpe, pantaloni e giacche  molto resistenti nel tessuto, ma allo stesso tempo abbastanza larghi da poter permettere il movimento ideale senza ostacoli. Chi lavora su strade e anche di notte ha queste divise con inserti catarifrangenti oppure con strisce larghe sull’estremità degli arti di colore giallo oppure arancione fluorescente. Si tratta comunque di un tipo di divisa obbligatorio così come sono obbligatori i caschi anti urto, le mascherine, i guanti e gli scarponi antiinfortunistici.

Abbigliamento di lavoro per l’ambiente sanitario ed alimentare

Anche negli ambienti di lavoro all’aria aperta possono essere richiesti determinati indumenti come ad esempio gli operatori ecologici, nelle mense e nella ristorazione all’aria aperta. In particolare nelle mense, dal momento in cui si viene a contatto con gli alimenti, bisogna seguire delle regole ferree che derivano proprio da alcune disposizioni da parte delle autorità competenti. Alcuni alimenti in particolare la carne, devono essere maneggiati secondo una certa procedura e conservati secondo la stessa procedura. Per proteggere noi stessi da odori sgradevoli ed evitare che il contatto con la carne cruda possa influire sul contatto con altri alimenti, si utilizzano determinati tipi di camici in genere fatti di “tessuto non tessuto” poiché è semplice da lavare e impermeabile e cuffiette monouso. La caratteristica principale di quasi tutte le divise utilizzate in ambiente sanitario è che si tratta di tessuti molto resistenti alle alte temperature e di colore scuro, in genere blu elettrico.

Abbigliamento specifico nella ristorazione

Nel settore della ristorazione, gli indumenti da lavoro sono importantissimi per garantire il massimo dell’igiene. Per questo camerieri, barman, ma soprattutto cuochi hanno sempre cuffiette , camici protettivi e guanti per poter svolgere il loro lavoro nel massimo della sicurezza. Magari i camerieri e i barman non portano i guanti ma chi è a contatto diretto con il cibo deve sempre portarli poiché è questo il comportamento legato a delle normative di legge.

La divisa classica non esiste in questi ambienti, un abbigliamento specifico non c’è: ci si può vestire comodamente e con scarpe comode a patto che al di sopra dei vestiti ci sia il camice. Naturalmente per una questione di igiene e di comodità viene sempre suggerito di vestirsi comodamente con dei vestiti semplici tipo camicia e pantalone oppure t-shirt e pantalone comodo.

Abbigliamento specifico negli ospedali e nelle cliniche

Il cosiddetto camice bianco è quella definizione che viene data a coloro che lavorano negli ospedali, nei laboratori di analisi, nelle cliniche private e in tutti i luoghi di tipo sanitario. Il camice bianco serve essenzialmente come segnale di riconoscimento e come abbigliamento adeguato al tipo di lavoro che richiede spesso movimenti improvvisi. Infermieri e medici si trovano a stare in piedi anche per molte ore al giorno o per molte ore di notte e per questo l’abbigliamento deve essere estremamente comodo e leggero, in modo che di inverno sia possibile integrare con una felpa. Anche le scarpe che sono anti infortunistiche e specifiche per l’ambiente sanitario vengono utilizzate esclusivamente in quell’ambito proprio per un fattore igienico.

Oltre al camice che oltre al bianco può essere anche azzurro o verde, medici, infermieri e tutti gli operatori sanitari utilizzano moltissimo anche i dispositivi di sicurezza quali cuffie, guanti in lattice ed in nitrile ed infine le mascherine di ogni tipo, sia chirurgiche che Fp2 ed Fp3 essenzialmente caratterizzate dall’avere in più un filtro per far passare l’aria e quindi proteggere anche se stessi. Nei laboratori poi troviamo anche la necessità di trovare gli occhiali  che servono prettamente per proteggere gli occhi da fluidi di qualsiasi tipo con i quali gli operatori vengono a contatto.

Igienizzare i tessuti d’abbigliamento da lavoro in ambito sanitario

Il fattore igiene è sempre importantissimo, ma per ciò che riguarda i tessuti e l’abbigliamento in ambito sanitario, la questione è ancor più delicata poiché è qui che si viene più facilmente a contatto con infezioni, batteri e virus. Il rischio è alto non solo per il personale sanitario, quanto ancHe per i degenti stessi che ricevono più visite e più contatti in un ambiente promiscuo. Il rischio è anche legato alla possibilità di portare dentro e fuori dagli ospedali qualsiasi genere di germi e batteri. E’ importante quindi effettuare sempre dei lavaggi che siano a secco o normale.

Anche il lavaggio a secco in assenza di acqua può andare bene poiché è un metodo che permette di disinfettare ed igienizzare a fondo. Se laviamo con acqua sarebbe meglio procedere con un lavaggio che utilizza acqua oltre i 60° e un additivo disinfettante presidio medico.  Se non avete tempo o modo di lavare i vostri camici e in generale l’abbigliamento che portate in un luogo come l’ospedale, potete rivolgervi alle lavanderie specificando di necessitare di un lavaggio particolarmente profondo.

Dove trovare l’abbigliamento specifico da lavoro

Se non sono le aziende dove lavoriamo a fornirci tute e divise da lavoro, saremo noi a doverle procurare. Esistono negozi specializzati in questo genere di fornitura ma allo stesso tempo gli stessi negozi li possiamo trovare online sui siti come Amazon che in poco tempo vi faranno avere a casa tutto ciò di cui necessitate. I prezzi sono identici a quelli che possiamo trovare in un negozio di fornitura fisico, e probabilmente anche più bassi. Qui possiamo trovare sia le divise specifiche da lavoro sia i dispositivi di sicurezza individuali. A seconda del lavoro avremo un settore dedicato.  Fra tutti gli indumenti troveremo facilmente giubbotti catarifrangenti, pantaloni di tessuto non tessuto, caschi anti urto, giacche fluorescenti, giubbini comodi e pratici, camici da lavoro per medici ed infermieri, divise di tipo chirurgico ed infine mascherine, guanti e cuffiette anche in pratici kit composti da più pezzi.

Tessuti e fibre dell’abbigliamento specifico

L’abbigliamento da lavoro va indossato ogni giorno ed in quanto tale riveste un ruolo importantissimo per quanto riguarda i tessuti e le fibre. La qualità dei tessuti è quindi molto importante poiché vengono a contatto con la nostra pelle e perché determinano la salute nostra generale e quella della cute. Se poi facciamo un lavoro per il quale teniamo a sudare molto, questo aspetto prende un’importanza ancor più rilevante. La regola è quindi scegliamo il nostro abbigliamento con molta cura, la stessa che metteremmo nella scelta degli abiti di uso quotidiano.

Le fibre ed i tessuti migliori in assoluto sono quelli che si adattano bene al lavoro che svolgiamo: impermeabilità e traspirabilità spesso non vanno molto d’accordo per cui se necessitate di abbigliamento che vi copra dalla pioggia perché svolgete il lavoro all’aperto sappiate che dovrete cercare tessuti impermeabili che quindi saranno molto poco traspiranti. Allo stesso modo i tessuti traspiranti non potranno essere impermeabili.

Controllate sempre prima le etichette e guardate che i tessuti siano compatibili con il vostro lavoro: se lavorate al chiuso non necessiterete di poliestere e tessuto non tessuto, che si rende invece assolutamente prioritario per gli operatori edili e chi lavora in cantieri all’aperto. Per chi lavora in ambienti chiusi e strutture protette è importante scegliere tessuti morbidi ma resistenti come il cotone misto al poliestere, senza naturalmente compromettere un minimo di eleganza di base.

N.B.

I tessuti da lavoro possono essere suddivisi in fibre naturali e fibre sintetiche. Sono queste le due scelte principali. In genere la fibra naturale avendo una derivazione naturale sono molto più confortevoli al tatto ed hanno un costo maggiore. La loro origine è animale, vegetale e minerale. Fra i tessuti naturali più diffusi e comuni per le divise troviamo lana e cotone. Al contrario le fibre sintetiche sono prettamente il poliestere e sono pensate per la realizzazione di divise che devono essere particolarmente resistenti alle sollecitazioni esterne, permettere grandi ed ampi movimenti e non interferire naturalmente con le funzioni di traspirabilità della pelle.

DPI : dispositivi di protezione individuali

L’acronimo DPI indica letteralmente la definizione Dispositivi di Protezione individuali. Si tratta di dispositivi che fanno parte dell’abbigliamento specifico di lavoro e sono frutto di una continua ricerca per assicurare sempre a chiunque lavori un ampio spettro di protezione in base al livello di pericolo che ognuno di noi può trovare a lavoro. Lo scopo dei dispositivi di sicurezza è quindi quello di salvaguardare l’incolumità del lavoratore in tutte le sue possibili mansioni. Ogni anno i dispositivi in questione diventano sempre più curati nei dettagli per permettere un sempre più alto grado di protezione.

Fra questi dispositivi, al di la di quelli che abbiamo già menzionato possiamo trovare i dispositivi di protezione di tipo semplice e quelli che proteggono da rischi più importanti. Per esempio i vestiti anti pioggia sono da considerarsi un dispositivo di protezione semplice, mentre le scarpe antinfortunistiche legate ad un rischio di media entità. Una divisa che fa da scudo protettivo per l’elettricità invece è ancor più importante ed è considerato un dispositivo di protezione individuale di calibro maggiore in assoluto poiché protegge da incidenti che possono avere ripercussioni permanenti e irreversibili nella vita della persona.

Un dispositivo di protezione per ogni zona del corpo

C’è da dire che per qualsiasi parte del corpo esiste un dispositivo di protezione individuale, anche per mani, dita, orecchie, testa e piedi. Quindi non solo per il corpo. In generale le mani sono la parte più importante per gli operai e per questo devono essere sempre protette da guanti che siano in lattice oppure in gomma isolante per lavori più rischiosi, che portano al contatto con elettricità oppure liquidi pericolosi. Esistono poi i guanti anti taglio, i guanti per isolare dal calore ecc…  Per quanto riguarda la tutela della vista e quindi degli occhi è importante scegliere il casco con visiera, oltre agli occhiali che si alterneranno al casco in base al tipo di lavoro che dobbiamo svolgere. Le scarpe antinfortunistiche invece sono scarpe che hanno sempre un rinforzo metallico sulla caviglia e sulla punta e per questo più sicure. La scarpa antinfortunistica migliore ha comunque una suola flessibile ed elastica che consente ampi movimenti. 

Prezzi

Tutti questi indumenti, comprese le scarpe antinfortunistiche presentano prezzi decisamente convenienti e garantiscono il massimo della qualità ad ogni modo. Possiamo trovare prezzi che partono dai 20-30 euro per i semplici pantaloni tessuto non tessuto fino ad arrivare a 40-50 euro per le giacche da lavoro invernali dello stesso tessuto. Le scarpe in base al livello di complessità hanno costi variabili ma che non superano mai i 70-100 euro. 

E’ proprio su Amazon che possiamo trovare facilmente anche i dispositivi di protezione individuale più semplici come mascherine e cuffie oppure guanti monouso. In caso di ambienti di lavoro particolarmente a rischio per le vie respiratorie c’è bisogno di munirsi di tutti i dispositivi di protezione quali anche visiere e mascherine.

Anna Silvestrini

Giornalista pubblicista. Sono anche una mamma e da qualche anno mi occupo di scrittura sul web. Appassionata del mondo del lavoro e di tutto ciò che riguarda la sicurezza in questo campo.

Back to top
menu
Abbigliamento specifico